Uncategorized

L’archeologo di Palmira

Postato il Aggiornato il

La “Sposa del deserto”, come è spesso chiamata la città di Palmira è sempre stata una fonte interminabile di dati storici e patrimonio artistico per la nazione siriana. Accertata con il nome di Tadmor fin dal II millennio prima di Cristo, fiorisce come città carovaniera durante il regno ellenistico dei seleucidi. Entra a far parte dell’impero romano ufficialmente solo con il regno di Tiberio, nel 19 d.C. Tra il II e il III secolo dopo Cristo la città vive in prima persona la ribellione di Odenato, auto proclamatosi Re dei Re, e in seguito di sua moglie Zenobia che da coraggiosa regina finì trascinata in catene a Roma. Con il dominio bizantino la città perde notevolmente d’importanza e vengono costruite alcune chiese ma è sotto il dominio arabo cominciato nel 634 d.C. che la città comincia ad andare progressivamente in rovina.

È quindi più che comprensibile l’interesse storico ed artistico che ha sempre contraddistinto le ricerche in questa città così antica, ma è solo dopo la fine del mandato francese in Siria che gli scavi vengono effettivamente iniziati.

Assassinato dall’Isis

Nel 1963 Khaled al-Asaad viene nominato direttore del museo e del sito archeologico della città di Palmira, carica che mantiene per oltre quarant’anni fino al momento della pensione. Autore di numerosi articoli su riviste storiche e di archeologia, ha scritto oltre venti libri su Palmira e la via della Seta. Ha inoltre contribuito alla traduzione di diversi testi dall’aramaico ed è soprattutto grazie al suo lavoro che nel 1980 Palmira è dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

L’importante lavoro di scavo si interrompe a causa della guerra civile siriana e nel maggio del 2015 l’Isis occupa la città di Palmira ed il suo sito archeologico. al-Asaad viene rapito a Luglio dai miliziani jihadisti che lo tengono prigioniero per circa un mese di atroci torture. L’archeologo è infatti accusato dallo stato islamico di aver nascosto gran parte delle statue e delle opere d’arte del sito in un posto sicuro poco prima dell’arrivo dei miliziani.

Ormai vecchio e stanco, all’età di oltre ottant’anni, Khaled al-Asaad resiste alle sofferenze a cui viene sottoposto e viene giustiziato per decapitazione il 18 agosto del 2015, sulla piazza di fronte al museo che per anni aveva diretto. Sempre nell’agosto del 2015 l’Isis si rende colpevole anche della distruzione di importanti settori del sito archeologico di Palmira tramite esplosivo, quasi in sfregio al loro prigioniero che non ha voluto parlare.

L’archeologo è ricordato con grande affetto sia in Siria che dai suoi collaboratori stranieri e tutto l’ambiente della ricerca archeologica ha riconosciuto in lui un martire della conoscenza e della sua nazione. L’uomo che ha scelto consapevolmente la propria morte in cambio della vita di reperti plurimillenari difficilmente verrà mai dimenticato in Siria e nel mondo.

Ravi Zacharias Ministry – Truth on Its Head

Postato il

First time I heard of the “Ravi Zacharias Ministry”, this piece sure si worth a reading!

DAILY DEVOTIONS, NEWS AND INFORMATION

G.K. Chesterton took the word “prolific” to a level that, as a writer, simply makes me feel tired. In his lifetime, Chesterton authored over one hundred books and contributed to two hundred others. He penned hundreds of poems, five plays, five novels, and some two hundred short stories, including the popular Father Brown detective series. He wrote over four thousand newspaper essays, including thirty years worth of weekly columns for The Illustrated London News, and thirteen years of weekly columns for The Daily News. He also edited his own newspaper, G.K.’s Weekly.

As one can easily imagine after such an inventory, G.K. Chesterton was always writing—wherever he found himself, and with whatever he could find to write on. So, in the tearoom he scribbled on napkins. On the train, in front of a bank teller, or in the middle of a lecture, he was known to jot hurriedly in a…

View original post 635 altre parole

“A lord over ten cities”

Postato il

G.K. Weekly

All human beings will agree that a Specialist can be trusted too much; though this will not prevent All Political Parties from trusting him with everything they want to shirk. But, indeed, we are past the point of trusting experts as experts. We have come to trusting experts even in the things about which they are amateurs… A man is not only autocratic on one subject, but on all other subjects by right of that subject; and is allowed to be a lord over ten cities because he has been something like a monomaniac over one. This is no exaggeration; a glance at popular magazines and public controversies will give you scores of instances of it. The religion of Haeckel the biologist is more important than his biology. The journalism of a famous cricketer is more prominent than his cricket. Every week or so a paper has what is called…

View original post 242 altre parole

Bat

Postato il Aggiornato il

Nápoles, 30 mayo: El Derecho natural como fundamento

Postato il

Consejo de Estudios Hispánicos Felipe II: seminario

Consejo de Estudios Hispánicos Felipe II

Napoli, sabato 30 maggio 2015Il Diritto naturale come fondamento

Convegno di studi

Presiede
Prof. Mario Tedeschi
Università Federico II di Napoli

Intervengono

Prof. Giovanni Turco
Università di Udine
Dal diritto positivo al diritto naturale

Dott. Alfonso D’Avino
Sostituto Procuratore della Repubblica, Napoli
La pena tra diritto positivo e diritto naturale

Dott. Luca Molea
Università Federico II di Napoli
Diritto naturale e diritto canonico

Prof. Miguel Ayuso
Università Comillas Madrid
Presidente dell’Unione Internazionale dei Giuristi Cattolici
La fondatività del diritto naturale

Sala San Tommaso
Convento San Domenico Maggiore
Vico San Domenico Maggiore, 18
Napoli
Sabato 30 maggio 2015
ore 17

a cura di
Consiglio di Studi Ispanici Filippo II (Madrid)
Società Internazionale Tommaso d’Aquino, sezione di Napoli
Unione Internazionale Giuristi Cattolici

El Derecho natural como fundamento

Seminario

Preside
Prof. Mario Tedeschi
Universidad Federico II de Nápoles

Intervienen

Prof. Giovanni Turco
Universidad de Údine
Del derecho positivo al derecho natural

Dr. Alfonso D’Avino
Teniente Fiscal de…

View original post 92 altre parole